Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Facebook  Instagram  Twitter  LinkedIn  YouTube 
Confindustria Cuneo

CONTATTI

0171.455.440

taskforce@uicuneo.it


RESPONSABILE TASK FORCE e SALUTE E SICUREZZA

Andrea Corniolo

0171.455.490 - 3316502034

a.corniolo@uicuneo.it


SALUTE E SICUREZZA

Chiara Fedele

0171.455.443 - 3346749306

c.fedele@uicuneo.it


INTERNAZIONALE

Bianca Revello

0171.455.502 - 3666452885

b.revello@uicuneo.it


LAVORO

Stefania Bergia

0171.455.416 - 3386482644

s.bergia@uicuneo.it


CREDITO E FINANZA AGEVOLATA

Nicol˛ Cometto

0171.455.431 - 3389378231

n.cometto@uicuneo.it

Circolare - 14/10/2020

Decreto Agosto - Sintesi delle novitÓ di natura finanziaria introdotte in sede di conversione in legge

E' stata pubblicata, sul Supplemento Ordinario n. 37 della Gazzetta Ufficiale n. 253 del 13 ottobre 2020, La legge n. 126/2020 di conversione del Decreto Legge n. 104 del 14 agosto 2020 (cd. Decreto Agosto), recante "Misure urgenti per il sostegno ed il rilancio dell'economia".

Di seguito riportiamo le principali novità di natura finanziaria.

 

Contributo a fondo perduto per la filiera della ristorazione (art. 58)
Il Decreto Legge ha introdotto un contributo a fondo perduto a favore delle imprese, in attività al 15 agosto 2020, che esercitano in misura prevalente attività economiche rappresentate dai seguenti codici ATECO:
55.10.00 – alberghi, ma limitatamente alle attività autorizzate alla somministrazione di cibo
56.10.11 - ristorazione con somministrazione
56.10.12 - attività di ristorazione connesse alle aziende agricole
56.21.00 - catering per eventi, banqueting
56.29.10 – mense
56.29.20 - catering continuativo su base contrattuale

Il contributo:

  • spetta a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi dei mesi da marzo a giugno 2020 sia inferiore ai 3/4 dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi dei mesi da marzo a giugno 2019;
  • deve essere finalizzato all’acquisto di prodotti, inclusi quelli vitivinicoli, di filiere agricole e alimentari, anche D.O.P. e I.G.P., valorizzando la materia prima del territorio.

I soggetti che hanno avviato l’attività a partire dall’1° gennaio 2019 possono beneficiare del contributo anche in assenza del requisito della riduzione del fatturato.
Per accedere al beneficio occorre presentare un’istanza, secondo le modalità che saranno stabilite con apposito Decreto Ministeriale.
Il contributo, che non concorre alla formazione della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione netta ai fini IRAP, è riconosciuto nel rispetto dei limiti previsti dalla normativa europea in materia di aiuti de minimis.

 

Estensione del contributo a fondo perduto (art. 60, comma 7-sexies)
I soggetti che non hanno presentato domanda per il contributo a fondo perduto, previsto dall’art. 25, comma 4 del DL 34/2020, possono presentare la domanda entro 30 giorni dalla data di riavvio della procedura telematica, come definita con provvedimento dell'Agenzia delle Entrate, a condizione che hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di comuni:

  • colpiti dagli eventi i cui stati di emergenza erano ancora in atto alla data di dichiarazione dello stato di emergenza Covid-19;
  • classificati totalmente montani di cui all'elenco dei comuni italiani predisposto dall'Istituto nazionale di statistica (ISTAT) o compresi nella circolare del Ministro delle finanze n. 9 del 14 giugno 1993;
  • non inseriti nella lista indicativa dei Comuni colpiti da eventi calamitosi di cui alle istruzioni per la compilazione dell'istanza per il riconoscimento del contributo a fondo perduto, pubblicate dall'Agenzia delle entrate in data 30 giugno 2020.

Modifiche all'accesso al Fondo di Garanzia (art. 64 e 64-bis)

E' prevista l’estensione della copertura del Fondo di garanzia PMI nell’ambito delle misure introdotte dall’articolo 13 del decreto-legge n. 23/2020 (cd. Decreto Liquidità), anche alle imprese che abbiano ottenuto, su operazioni finanziarie garantite dal Fondo, un prolungamento della garanzia per temporanea difficoltà. L’efficacia delle nuove disposizioni è subordinata all’autorizzazione della Commissione europea.
Vengono inoltre chiarite le modalità di calcolo dei dipendenti ai fini dell’individuazione delle midcap: imprese con non più di 499 occupati, dirterminati sulla base delle unità lavorative annue rilevate per l'anno 2019; è estesa a tutte le persone fisiche esercenti attività finanziarie e assicurative previste dalla sezione K del codice ATECO la possibilità di accedere alla misura dell’articolo 13 del DL Liquidità che prevede garanzie al 100% su finanziamenti fino a 30 mila euro (in precedenza tale possibilità era limitata ad agenti di assicurazione, subagenti di assicurazione e broker).

Inoltre, in linea con quanto proposto da Confindustria, è consentito l’accesso alle garanzie erogate da SACE anche alle imprese che sono state ammesse alla procedura del concordato con continuità aziendale, hanno stipulato accordi di ristrutturazione dei debiti o hanno presentato, in sede di procedura fallimentare, un piano idoneo a consentire il risanamento della esposizione debitoria dell’impresa e ad assicurare il riequilibrio della sua situazione finanziaria (cd. piano attestato). Tale ammissione è consentita a condizione che le imprese, alla data di presentazione della domanda, non abbiano esposizioni classificabili come deteriorate, non presentino importi in arretrato e il finanziatore possa ragionevolmente presumere il rimborso integrale dell’esposizione alla scadenza. Sono in ogni caso escluse le imprese che presentano esposizioni classificate come sofferenze ai sensi della disciplina bancaria.

 

Si allega alla presente la nota pubblicata sul tema da Confindustria.

CONFINDUSTRIA CUNEO - Corso Dante, 51 Cuneo - C.F. 80002570044
TEL 0171 455455 - FAX 0171 697544 - EMAIL uic@uicuneo.it - PEC direzione@pec.uicuneo.it

Informativa Privacy