Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Facebook  Instagram  Twitter  LinkedIn  YouTube 
Confindustria Cuneo

CONTATTI

0171.455.440

taskforce@uicuneo.it


RESPONSABILE TASK FORCE e SALUTE E SICUREZZA

Andrea Corniolo

0171.455.490 - 3316502034

a.corniolo@uicuneo.it


SALUTE E SICUREZZA

Chiara Fedele

0171.455.443 - 3346749306

c.fedele@uicuneo.it


INTERNAZIONALE

Bianca Revello

0171.455.502 - 3666452885

b.revello@uicuneo.it


LAVORO

Stefania Bergia

0171.455.416 - 3386482644

s.bergia@uicuneo.it


CREDITO E FINANZA AGEVOLATA

NicolÚ Cometto

0171.455.431 - 3389378231

n.cometto@uicuneo.it

Circolare - 10/03/2020

Coronavirus - FAQ area lavoro

A seguire alcune FAQ predisposte dall'Area Lavoro di Confindustria Cuneo per rispondere ai principali quesiti delle imprese associate.

 

1) L’impatto del coronavirus puo’ fare attivare ammortizzatori sociali?

Con riferimento all'intero territorio nazionale, nel caso di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa per eventi riconducibili all'emergenza Covid-19 sono attivabili la Cassa Integrazione Ordinaria (Cigo) e il Fondo di Integrazione Salariale (Fis) secondo quanto previsto dal D.L. n.18/2020 c.d. Cura Italia. Viene estesa anche ai datori di lavoro con più di 5 dipendenti iscritti al Fondo di Integrazione Salariale (Fis) la possibilità di accedere all'assegno ordinario. 

Per ulteriori informazioni, è disponibile una circolare di approfondimento.  

L'INPS ha inoltre pubblicato le istruzioni operative disponibili nella nostra circolare dedicata .

Per tutte le imprese che non rientrano nel campo di applicazioni degli ammortizzatori sociali sopra indicati, il Decreto n.18/2020 prevede l'attivazione di una Cassa Integrazione in Deroga, che sarà diciplinata con Decreto dalle singole Regioni.  

La Regione Piemonte ha sottoscritto l'accordo descritto nella circolare specifica sulla CIG in deroga .

2) Quali permessi ci sono a favore dei genitori che devono prendersi cura dei figli in periodo di sospensione scolastica o devono assistere persone con disabilità?

I genitori con figli minori di 12 anni hanno a disposizione 15 giorni complessivi, con retribuzione al 50%, da fruire alternativamente.  Se si hanno figli di età compresa tra i 12 ed i 16 anni si ha diritto a 15 giori di permesso, ma non retribuito.

Chi fruisce dei 3 giorni di permesso mensili per assistenza a persone con handicap ai sensi delle legge 104/1992, o fruisce dei permessi mensili per se stesso, ha diritto ad ulteriori 12 giorni complessivi usufruibili tra marzo ed aprile.

Ulteriori approfondimenti e le indicazioni INPS sono disponibii nella nostra circolare dedicata al tema

3) Ferie o ammortizzatori sociali? 

Confindustria, Cgil, Cisl, Uil, hanno sottoscritto in data 14 marzo 2020, un "Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro" all'interno del quale hanno condiviso la possibilità di utilizzare in via prioritaria gli ammortizzatori sociali disponibili e, in via residuale,  le ferie arretrate.

Sono fatte salve eventuali intese con i lavoratori che preferiscano prioritariamente l'utilizzo di ferie, par e rol.

 

4) Come posso attivare lo smart-working (lavoro agile)?

Per ridurre il rischio di contagio, l’attivazione della modalità di lavoro in smart working, laddove possibile, è fortemente consigliata.

La sua modalità di attivazione, disciplinata dagli artt. 18-23 della L.81/2017, è stata semplificata per tutte le imprese presenti sul territorio nazionale, prevedendo la possibilità di adottare la modalità di lavoro agile anche senza uno specifico accordo individuale tra datore di lavoro e lavoratore, per tutta la durata dello stato di emergenza (31 luglio 2020). Le Aziende possono entrare nel sito www.cliclavoro.gov.it ed inserire i prorpi dati e quelli dei lavoratori per i quali verrà attivata la modalità di lavoro smart. 

Si ricorda che gli obblighi informativi previsti  dalla normativa sul lavoro agile ai fini della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori "agili" sono assolvibili in via telematica, anche utilizzando il modello allegato predisposto dall'INAIL (Informativa Lavoro Agile INAIL).

La nostra circolare dedicata allo smart working, fornisce le indicazioni principali per l'attivazione di questo strumento.

5) Cosa deve fare l’azienda se un lavoratore comunica di essere stato esposto al rischio di contagio?

L’Azienda deve ricordare al lavoratore di seguire le linee di comportamento indicate dal Ministero e dalle Regioni. In ogni caso il lavoratore va invitato a contattare il proprio medico, unico soggetto abilitato a dichiararne l’ammissibilità sul posto di lavoro o, viceversa, a riconoscerne lo stato di malattia, ancorché potenziale.

Nel caso in cui i servizi di sanità pubblica territorialmente competenti accertino la necessità di avviare la sorveglianza attiva e l'isolamento fiduciario,  l'operatore di sanità pubblica informerà il medico di medicina generale da cui il soggetto è assistito. In caso di necessità ai fini della certificazione INPS per l'assenza da lavoro, sarà inoltre inviata una dichiarazione indirizzata all'INPS, al datore di lavoro e al medico di medicina generale in cui si dichiara che, per motivi di sanità pubblica, il lavoratore è stato posto in quarantena, specificandone data di inizio e di fine. 

6)  In virtù delle restrizioni alla mobilità, come fanno i lavoratori a recarsi in Azienda?

I datori di lavoro devono fornire ai dipendenti un'attestazione che comprova il loro rapporto di lavoro ed i lavoratori devono spostarsi avendo cura di portare con se la dichiarazione ed il tesserino o badge aziendale.

Un bozza di tale attestazione è disponibile nella circolare Dichiarazione delle Aziende per la mobilità dei lavoratori 

Gli organi di polizia faranno comunque compilare l'autocertificazione, ma il documento aziendale sarà utile per comprovare l'esigenza lavorativa per lo spostamento.

 

7) Come gestisco i tirocini in essere?

Il DPCM 9 marzo 2020 ha disposto regole uniformi per tutto il territorio nazionale, prevedendo, tra l’altro, la sospensione delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado fino al 3 aprile 2020.

Si segnala inoltre che la Direzione Istruzione Formazione Lavoro, nella serata del 10 marzo 2020,  ha  fornito  prime indicazioni in merito alla sospensione dei servizi di formazione professionale, orientamento e servizi al lavoro. In particolare, nelle more della formalizzazione di disposizioni più puntuali, si specifica che sono sospesi gli stage curricolari e i tirocini extracurricolari. 

Al presente link trovate le indicazioni sulle modalità con cui procedere alla sospensione dei tirocini.

 

CONFINDUSTRIA CUNEO - Corso Dante, 51 Cuneo - C.F. 80002570044
TEL 0171 455455 - FAX 0171 697544 - EMAIL uic@uicuneo.it - PEC direzione@pec.uicuneo.it

Informativa Privacy